Quei piccoli grandi eroi che salvarono i libri

Quei piccoli grandi eroi che salvarono i libri

di David Fishman

Vilnius, 1941. Le armate tedesche entrano nella capitale lituana e cominciano a saccheggiare la città ricca di tesori d'arte. Nel frattempo gli ebrei vengono ammassati nei ghetti, e sparatorie e uccisioni sono all'ordine del giorno. Nelle biblioteche della città, i direttori Herman Kruk e Zelig Kalmanovich provano a salvare dei libri, nascondendoli ai nazisti. Quando però gli ufficiali della Einsatzstab Reichsleiter Rosenberg, l'unità speciale nazista incaricata delle confische e dei saccheggi di opere dell'ingegno, iniziano a distruggere documenti importanti, Kruk si impegna a sabotare i loro piani. Nasce così la "Brigata della Carta" un gruppo di uomini e donne che decidono di sfidare la morte per salvare i libri.

Costretti a lavorare in condizioni estreme, mettono in atto delle astute strategie per salvare il patrimonio culturale ebraico; con il passare del tempo, la brigata diventa una vera e propria forma di resistenza. Nemmeno la brigata, però, può nulla di fronte alla liquidazione nel ghetto di Vilnius.

Alcuni membri si danno alla fuga, altri decidono di rimanere nel ghetto e affrontare il destino che i tedeschi hanno in serbo per loro; pochi sopravvivranno e diventeranno degli eroi, mentre la maggior parte di loro verrà catturata e deportata nei campi di concentramento, dove troverà la morte. "Quei piccoli grandi eroi che salvarono i libri" è una storia di eroismo, di resistenza, di amicizia, d'amore e di devozione assoluta alla letteratura e all'arte.

Ma soprattutto, è una storia vera.