Dietro la maschera di Unabomber

Dietro la maschera di Unabomber

di Francesco Altan

All'interno della propria tana Unabomber confeziona nuovi ordigni esplosivi. È infido, astuto e organizzato. La grave carenza affettiva, la sessualità deviata, la frustrazione e la voglia di autoaffermazione spingono a mutilare donne e bambini.

Si tratta di un predatore ispirato dalla tecnica di caccia di ragni e camaleonti. È protetto da una maschera d'indifferenza e solitudine, metaforicamente rappresentata da quella del teatro giapponese del No. Un criminal profiler viene segretamente infiltrato nel suo territorio di caccia, per stanarlo. È supportato da un pool di poliziotti ed esperti che operano da una base missilistica dismessa camuffata da azienda agricola. La struttura, denominata "Casale", è stata appositamente ristrutturata. Il protagonista traccia il profilo criminologico di Unabomber e si sofferma sull'analisi vittimologica, psicologica e motivazionale. Analizza dal punto di vista criminologico i serial killer, con particolare riguardo a quelli che utilizzano esplosivi. Fa alcuni accenni al determinismo fisiognomico, alla frenologia di Cesare Lombroso e alla riduzione eidetica di Husserl. Attraverso la narrativa Francesco Altan si propone di fornire risposte alle molte domande su Unabomber che molti italiani si sono posti negli ultimi anni.